Marina Abramovic THE ARTIST IS PRESENT.

La Stagione estiva è finita, sono tornata a casa da qualche settimana e finalmente ho un pò di tempo da dedicare a me stessa e alle mie passioni. Oggi ho visto su Prime Video questo documentario : Marina Abramovic THE ARTIST IS PRESENT e ve ne voglio parlare.

Marina Abramovic non è una fotografa ma si definisce la” nonna della performance art “. La performance art è nate alla fine degli anni 60 come provocazione alla pittura, di qualsiasi cosa si trattasse non si poteva appendere a una parete.

Marina Abramovic è nata in Serbia nel 1946 ed è attiva artisticamente dalla fine degli anni 60. Ha sconvolto il mondo intero con le sue performance.

THE ARTIST IS PRESENT

Inizia in ordine cronologico, parte dalle prime opere e si concentra sulle performance in cui l’artista è realmente presente. All’interno della galleria una stanza è dedicata alla performace. Nella stanza si trova un tavolo con due sedie, su una sedia si trova l’artista, immobile, occhi chiusi e l’altra seduta è libera per il pubblico che può decidere quanto tempo stare li e fissare negli occhi Marina per 1 minuto, 30 minuti, tutto il giorno… Tutto questo per 3 mesi tutti i giorni dal 9 marzo al 31 maggio .

In un intervista Marina dice : ” la cosa più difficile è fare qualcosa molto vicino al nulla, è impegnativo perchè non c’è nulla da fare, da raccontare, c’è solo la tua presenza. Sembra facile ma non è così, è molto difficile perchè devo essere come una montagna e per farlo devo essere nello stato d’animo giusto, perciò mi devo limitare in tutto”.

Marina Abramovic sfida il pubblico in maniera diretta e coraggiosa. Al centro delle sue opere c’è la condivisione di un’ esperienza.

Manifesto della vita di un’artista

L’artista non dovrebbe mentire a se stesso o ad altri. L’artista non dovrebbe rubare idee altrui. L’ artista non dovrebbe scendere a compromessi con se stesso o per il mercato dell’arte. L’artista non dovrebbe uccidere un altro uomo. L’artista non dovrebbe fare di se stesso un idolo. L’artista dovrebbe evitare di innamorarsi di un altro artista. L’artista dovrebbe sviluppare un punta di vista erotico sul mondo. L’artista dovrebbe essere erotico. L’artista dovrebbe soffrire, dalla sofferenza scaturiscono i lavori migliori. La sofferenza porta trasformazioni. Attraverso la sofferenza l’artista trascende il proprio spirito. L’artista dovrebbe guardarsi dentro in cerca di ispirazione. Più l’artista guarda dentro di sè più diventa universale. L’artista è universo. L’artista è universo. L’artista è universo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...