Ritorno alle radici

Sono in Lombardia da due settimane, ho trascorso i primi 3 giorni a Milano per poi andare a Varese, dove sono nata e cresciuta. Ora mi ritrovo a vivere con i miei genitori, la convivenza è difficile, abbiamo orari e abitudini molto diverse (ci sono incomprensioni). I motivi principali del mio “trasferimento”, sono il lavoro, l’arte e cercare di uccidere i miei mostri, si torna indietro sempre per dei motivi, ci sono alcune cose che a un certo punto della vita vanno affrontate e superate.

In questi ultimi giorni ho raggiunto molti obiettivi, ho allestito una mostra a Milano, ho trovato 2 lavori part-time come barista ( amo il mio lavoro, mi mancava).

SONO FIERA DI ME STESSA !!!

Non mi sarei mai aspettata di stare così bene nella mia città, l’ho sempre odiata, ma in questo momento sto bene qui, ho ritrovato vecchie amicizie e ne sto facendo delle nuove, il mio rapporto con la mia famiglia sta migliorando, ho la possibilità di dare una mano e stare vicino a mia mamma che a giorni dovrà affrontare un altra operazione, speriamo che sia l’ultima.

Vedo delle seconde possibilità e non me le faccio scappare, non ho paura, sono forte, combatto.

YOUR COMFORT ZONE WILL KILL YOU !

Roots Self-portrait Sarabonamiciph.

Maestro come faccio a risolvere i miei problemi? Diventa albero e fatti guidare dalla sua saggezza millenaria. Devi mettere i piedi per terra ed ancorarti ben bene al terreno. Come le radici che si aggrappano con tutta la loro forza alla loro amata terra, è il solo modo per far nascere le gemme. Tu pensi solo ai frutti ma sono le radici che vanno accudite. Le radici maestro? Ma quelle di un albero sono nascoste nel buio e anche le mie. Come posso prenderne cura ? Entra in quel buio, si trova il segreto della fioritura. La luce serve a far sbocciare un fiore che ha già conosciuto le tenebre ed è riuscito ad emergere più forte, più evoluto, più vivo. Cos’altro posso imparare da un’albero? A rimanere ben ancorato al tuo centro, anche durante la tempesta. Esso si lascia portare via foglie e rami secchi dal vento,la sua chioma ondeggia ritornando poi al suo posto, più leggera, più rigogliosa, più pulita. Impara ad in alzarti sempre più verso il cielo, grazie alle radici che divengono ogni giorno più potenti e grazie alle potature necessarie che il tempo e le tempeste portano a compiere. L’albero è il maestro del cambiamento : è in continua evoluzione e non contrasta mai il suo divenire. Come un albero maestro è questo un modo per affrontare i problemi? L’unico possibile! Impara dall’albero che non chiude mai i suoi rami nemmeno durante la tempesta. Non si difende, non si oppone, non si chiude. Si lascia toccare dal vento, dalla pioggia, dalla neve. Fiducioso di mutare ad ogni tocco. Ed è proprio in questo tocco che si nasconde il segreto della sua fertilità.

Elena Bernabè

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...